Si riassumono qui di seguito le nuove regole per la gestione delle diverse situazioni legate alla pandemia in corso. Questa nota tiene conto in particolare delle indicazioni contenute nel D.L. n. 1 del 7 gennaio 2022 e nella circolare congiunta del Ministero dell’Istruzione e della Salute dell’8 gennaio 2022

1. Come segnalare i diversi casi: aggiornamento delle procedure esistenti

Si ricorda che le segnalazioni sulle situazioni di rischio e di contagio e la conseguente richiesta di Didattica a Distanza, devono essere inviate compilando il modulo “Richiesta DAD 2021-2022sul sito web dell’istituto all’indirizzo itisravenna.it/richiestadad per:

  • casi positivi COVID-19 accertati;

  • contatti stretti di casi positivi COVID-19;

  • febbre o sintomatologia COVID-19 per la quale il Medico di Medicina Generale (MMG) o il Pediatra di Libera Scelta (PLS) ha ritenuto utile la prescrizione di un tampone.

Per ulteriori comunicazioni e invio documenti utilizzare la mail [email protected], indicando sempre chiaramente

Nell’OGGETTO

  • Cognome e nome dell’alunno/a positivo al test (antigenico o molecolare)

  • Classe di appartenenza

Nel TESTO

  • Data comparsa sintomi

  • Data riscontro positività al test (antigenico o molecolare)

  • Data ultima presenza a scuola.

In ALLEGATO

  • l’esito del tampone antigenico o molecolare e/o la documentazione rilasciata dall’ASL.

La mail deve essere indirizzata alle referenti Covid dai genitori (e NON dagli alunni); NON deve essere inviata solo ai docenti o ai coordinatori di classe.

A seconda della specifica situazione, le referenti Covid daranno le indicazioni opportune. In particolare, ricordiamo che l’avvio della didattica a distanza e il rientro in presenza potranno essere autorizzati solo dalle referenti Covid, tenuto conto delle disposizioni del DSP.

2. Quali sono i tempi delle risposte

L’indirizzo delle referenti riceve quotidianamente un numero elevatissimo di comunicazioni e deve gestire procedure di particolare complessità. Pertanto:

  • l’autorizzazione alla didattica a distanza sarà comunicata entro 36 ore dalla presentazione della domanda completa di tutte le indicazioni necessarie; potrà dunque capitare che l’alunno impossibilitato alla frequenza risulti assente per un giorno, senza la possibilità di collegarsi;

  • l’autorizzazione del rientro in presenza sarà comunicata entro 36 ore dalla presentazione della documentazione necessaria; in ogni caso fino al rientro sarà assicurata la didattica a distanza.

Naturalmente si proverà a garantire comunque tempi rapidi per ridurre i disagi, nei limiti di quanto è possibile in un contesto di crescente complessità.

3. Cosa accade in seguito alla segnalazione di un contatto stretto in ambito scolastico

Di norma sono considerati contatti stretti di un caso positivo, in ambito scolastico:

nel caso di uno studente positivo: tutti i compagni della classe; i docenti che hanno prestato servizio nella classe per più di 4 ore negli ultimi due giorni di presenza a scuola dello studente;

nel caso di un docente positivo: tutti gli studenti delle classi in cui il docente è stato presente, anche solo per un’ora; il docente che ha svolto anche solo un’ora di compresenza con il docente positivo.

In base alle nuove norme (indicate sopra):

a) in presenza di un solo caso positivo nella classe:

  • per gli studenti della classe si conferma la didattica in presenza; questi studenti hanno l’obbligo di indossare le mascherine FFP2 per almeno 10 giorni e per loro si applica la misura sanitaria dell’autosorveglianza: oltre la mascherina FFP2 prevede l’effettuazione di un tampone al primo eventuale insorgere di sintomi;

  • per il personale (della scuola ed esterno) che ha svolto attività in presenza nella classe del caso positivo per almeno 4 ore, anche non continuative, nelle 48 ore precedenti l’insorgenza del caso, si applica l’obbligo delle mascherine FFP2 e la misura sanitaria dell’autosorveglianza, come per gli studenti;

  • per tutti gli altri docenti della classe:

non si applica alcuna misura.

b) in presenza di due casi positivi nella classe, tutta la classe rimarrà in Didattica a Distanza per il primo giorno dall’individuazione del contagio, al fine di permettere il controllo sulla documentazione necessaria dalla quale dipendono le misure previste, differenziate in funzione dello stato vaccinale:

  • è sospesa l’attività didattica in presenza per gli studenti che

non abbiano concluso il ciclo vaccinale primario (due dosi di vaccino), o che lo abbiano concluso da più di centoventi giorni, o che siano guariti da più di centoventi giorni e ai quali non sia stata somministrata la dose di richiamo; per questi studenti si applica la misura della quarantena, della durata di 10 giorni con test di uscita – tampone molecolare o antigenico – con risultato negativo da inviare alla scuola per l’autorizzazione al rientro in presenza; per questi studenti si autorizza contestualmente la didattica a distanza, senza che sia necessaria una esplicita richiesta;

  • si mantiene l’attività didattica in presenza per gli studenti che:

abbiano concluso il ciclo vaccinale primario, o che siano guariti, da meno di centoventi giorni e per coloro ai quali sia stata successivamente somministrata la dose di richiamo; per questi studenti si applica la misura sanitaria dell’autosorveglianza ( oltre la mascherina FFP2 prevede l’effettuazione di un tampone al primo eventuale insorgere di sintomi) I requisiti per poter frequentare in presenza, seppure in regime di autosorveglianza, devono essere dimostrati dallo studente interessato.

  • per il personale (della scuola ed esterno) che

ha svolto attività in presenza nella classe dei casi positivi per almeno 4 ore, anche non continuative, nelle 48 ore precedenti l’insorgenza del primo caso, si applica quanto previsto per gli studenti: in presenza o a distanza a seconda del loro stato vaccinale, nei termini indicati sopra per gli studenti;

  • per tutti gli altri docenti della classe:

non si applica alcuna misura.

c) in presenza di tre casi positivi nella classe:

  • l’attività didattica in presenza è sospesa per dieci giorni per tutti gli studenti; quindi, è prevista contestualmente la didattica a distanza per la classe, senza che sia necessaria una esplicita richiesta. , La conclusione del periodo sarà attestata da un test molecolare o antigenico con risultato negativo da inviare alla scuola per l’autorizzazione al rientro in presenza;

  • per il personale (della scuola ed esterno) che ha svolto attività in presenza nella classe dei casi positivi per almeno 4 ore, anche non continuative, nelle 48 ore precedenti l’insorgenza del primo caso, si applica la misura sanitaria della quarantena secondo le modalità disposte dalla circolare del Ministero della Salute n. 60136 del 30 dicembre 2021 per i contatti stretti ad alto rischio;

  • per tutti gli altri docenti della classe non si applica alcuna misura.

Per tutti i soggetti in autosorveglianza:

fino al 28 febbraio 2022 per la popolazione scolastica delle scuole secondarie di secondo grado in regime di autosorveglianza è possibile effettuare gratuitamente i test antigenici rapidi presso le farmacie o le strutture sanitarie autorizzate, in seguito alla prescrizione del medico di medicina generale o del pediatra di libera scelta.

Informativa privacy

Si invitano le famiglie e gli studenti e le studentesse a prendere visione sul sito, dell’informativa per il trattamento dei dati personali, redatta ai sensi dell’articolo 13 del GDPR.

Il link da utilizzare e il seguente:

https://web.spaggiari.eu/sdg/app/default/view_documento.php?a=akVIEW_FROM_ID&id_documento=177318169&sede_codice=RAIT0004.

Il Dirigente Scolastico
Antonio Grimaldi
documento firmato digitalmente ai sensi del c.d. Codice dell’Amministrazione Digitale e normativa connessa

Documenti

Luoghi

Sede

Via Guglielmo Marconi, 2 - 48124 Ravenna (RA)